18/04/2018

A OGNUNO IL SUO '68

Ognuno ha il suo ’68. Quello di Gibo Bonizzato, socio del Club e ieri sera relatore arriva poco dopo e coincide con l’avventura di quella che per tutti è VGA Telerimini. Gibo ha raccontato sia lo spirito che animava il gruppo che originò quell’esperienza televisiva a trazione privata e la lotta per la ‘libertà di antenna’ perché ciò che stava avvenendo era una vera novità.

Dall’idea di collegare un registratore alle tv, poi di collegare le tv fra loro, poi di trasmettere via antenna in diretta. Insomma, era la rivoluzione televisiva che la gente certamente apprezzava e che le norme invece non prevedevano, in tempi nei quali non tutto si poteva dire o trasmettere. D’altra parte, per capire quanto fosse rivoluzionaria quell’iniziativa che a macchia di leopardo si stava affermando in mezza Italia, basti pensare alle tv nelle abitazioni che ricevevano due canali RAI… e poi VGA. Da lì tanti aneddoti, le idee più creative e la voglia di accelerare nell’utilizzo di uno strumento che rivoluzionerà le abitudini degli italiani, via via sempre innovato fino all’attuale tv on demand. E poi Berlusconi, ovviamente, che cavalcò quel business inserendosi fra norme e aiuti, ma anche col suo genio imprenditoriale.

stampa la notizia in pdf