31/07/2012

I NOVI SOCI SI PRESENTANO

Serata piacevole, in uno scenario di gran classe, sulla terrazza del Club Nautico. Ieri sera al Club abbiamo avuto l’opportunità di approfondire ancora un po’ la conoscenza coi soci entrati più di recente.
 
Ugo Morganti, 43 anni, laureato a Bologna in Economia e Commercio,, ha svolto il praticantato a Rimini e dal 2006 ha avviato insieme ad altri due colleghi un nuovo studio. Diverse le competenze, quelle di Ugo riguardano principalmente i rapporti col Tribunale (fallimenti, concordati, ecc.). La crisi ha negli ultimi anni accentuato questo genere di pratiche e negli ultimi due anni in particolari sono aumentati i concordati. Un dato la dice lunga: nel primo semestre del 2011 al Tribunale di Rimini arrivarono a compimento 25 fallimenti, quest’anno 38 nello stesso periodo. Ugo Morganti ha raccontato l’esperienza di un lavoro duro e impegnativo, utile a crescere e a consolidare uno studio che via via negli anni ha incrementato il lavoro.
A farne un po’ le spese, come spesso capita, la vita privata. Sacrificati gli hobby e anche la lettura preferita, la narrativa americana del ‘900. Ma insieme alla compagna Loretta spazio per qualche viaggio lo si trova…
 
Nicola Perazzini,, 46 anni, riminese doc, è laureato in economia e commercio. Cresciuto in una famiglia di imprenditori dell’accoglienza, dopo la laurea nel 1992 ha cominciato la gavetta nello studio Ragionieri Associati, fino a quando ne è divenuto socio. Professionalmente si occupa di aziende e di immobiliare. Sposato con Simona, ha due bimbe di 7 e 4 anni. La passione per lo sport è stata un po’ accantonata sull’altare del lavoro. Ama molto Rimini e gli piace conoscerla a fondo.
 
Maurizio Temeroli s’è definito ‘il più vecchio dei nuovi’. 58 anni fra due giorni, è il Segretario Generale della Camera di Commercio di Rimini. Sposato con Daniela, ha due figli di 29 e 26 anni. Appassionato al proprio lavoro, ha raccontato in sintesi il ruolo della Camera di Commercio, ente pubblico gestito e controllato da imprenditori privati. Il suo stesso contratto, a termine, è valutato da imprenditori. La Camera, ha spiegato, è un esempio di federalismo fiscale: ricava il suo sostegno dalla tassa che pagano le imprese e utilizza gli introiti per gestire progetti destinati allo sviluppo delle imprese stesse, anche in attività di internazionalizzazione. A Rimini, inoltre, la Camera s’è impegnata nel sostegno delle infrastrutture che rappresentano potenti volani economici, intervenendo nella gestione dell’aeroporto ed essendo nella compagine societaria di palas e fiera.
 
Daniele Prioli, cattolichino, nasce in una famiglia di imprenditori turistici, poi ha studiato alla Bocconi. Dopo la laurea, fortemente determinato a ‘fare qualcosa’, ha cominciato a girare il mondo per ricavare informazioni economiche a vantaggio dell’azienda per la quale lavorava. Poi, con l’esperienza maturata, ha pensato di mettersi in proprio. In sostanza si occupa di sviluppare il business delle imprese, applicando metodologie moderne e scientifiche, incrociando informazioni e incrociandole con la cartina elettronica. Oggi l’azienda è strutturata con decine di persone di giovane età. Tutte all’opera su dati e confini geografici, informazioni demografiche ed economiche, che, come in un frullatore, generano la linea di sviluppo di una azienda.
 
Anche Claudio Montanari ha forti legami con il turismo. Nato a Bologna, ma riccionese di adozione, ha una figlia ed è in attesa della seconda. Si occupa sia della gestione di strutture turistiche, sia dell’analisi di di fattibilità rispetto agli investimenti, sempre in ambito turistico. Appassionato al proprio lavoro e all’incontro con le persone, ha raccontato alcune delle sue attività svolte. Claudio ha vissuto l’esperienza al RYLA, è stato presidente del Rotaract Riccione-Cattolica ed ha ricoperto incarichi distrettuali.
 

stampa la notizia in pdf