18/07/2012

GIORNALISTI OGGI

La serata caminetto al ristorante Quartopiano è stata animata brillantemente da un relatore molto conosciuto a Rimini Carlo Andrea Barnabè, vice capo della redazione di Rimini de "il Resto del Carlino", oltre a vantare collaborazioni con riviste e quotidiani nazionali. E' anche autore di due programmi Rai e di due libri sulla storia di Riccione.
Il relatore è stato invitato a rispondere, subito dopo la presentazione del nostro Presidente, a una serie di domande . Si è partiti da "Ci racconti come nascono, con quali tempi e passaggi, le pagine del fascicolo locale del Carlino?
In sostanza il tuo lavoro..." per proseguire con interventi sul rapporto tra stampa e social network. E' infatti opinione diffusa che questi mezzi di comunicazione oggi influenzino e indirizzino la costruzione di un giornale.
E' stato chiesto se "Il giornale di domani possa ignorare il tema dibattuto oggi su facebook". Quanto questi mezzi aiutino e quanto invece possano danneggiare l'informazione tradizionale.
Insomma, per la "legge del contrappasso" il giornalista da intervistatore è passato al ruolo di intervistato. Cavandosela benissimo.
Dunque non una relazione strutturata, ma un ping pong di domande e risposte tra il relatore e i soci presenti, che alla fine si sono complimentati per l'equilibrio e l'efficacia con i quali Barnabè ha affrontato argomenti talvolta anche spinosi. 
Ad esempio, si è parlato del rapporto di odio e amore tra Riccione e Rimini, riccionesi e riminesi: quando battibeccano, fanno sul serio?
Dice la leggenda che l’attuale assessore regionale al turismo amasse
ripetere: 'giochiamo due campionati diversi…' Si è parlato quindi del rapporto tra i Sindaci delle due città, figli di diverse stagioni politiche.
Infine, una domanda provocatoria "Prova a smontare la definizione: fare il giornalista è sempre meglio che lavorare…" alla quale il giornalista ha risposto sorridendo "provate voi a lavorare sabato, domenica, 26 dicembre, 1 gennaio, e poi mi direte.."
Al termine un caloroso applauso ha sottolineato la consegna del nostro guidoncino da parte di Alberto al relatore che ha mostrato di gradire l'accoglienza rotariana soffermandosi a chiacchierare a lungo al termine della relazione con i soci del nostro club.
 

stampa la notizia in pdf